Il mio mondo in una valigia

09052014151313_sm_7420

Così lontano come la mia poesia brucia il suo fuoco,

così lontano corre i confini della mia patria‘.

H.Ibsen

 

Sono cresciuta sulle candide spiagge di una cittadina incantevole della Sardegna, con il profumo del mare impregnato nei boccoli scomposti dal maestrale; l’odore acre delle alghe nelle narici; le corse giocose lungo le pinete, labirinti incantati della mia infanzia; l’incombere solenne delle Torri e dei Bastioni dell’epoca aragonese; l’ombra solitaria dei Fortini a picco sulle scogliere, scenario di ataviche battaglie navali; il fluire delle dolci melodie di un idioma catalano, unico al mondo.

Sono orgogliosa della mia sardità, del mio essere solare, granitica, calma o burrascosa come il mare, figlia di una società matriarcale, isolana nelle viscere dell’animo, dotata di ponti levatoi ma bisognosa di orizzonti infiniti

E i miei orizzonti infiniti si estendono, indomiti, oltre il Mediterraneo: mi sono persa in terre lontane, dal Medio Oriente al Nord Europa, fra odori e colori di spezie, di hommos, di burro e di cannella; fra villaggi dove tutto sembra sospeso in un’epoca indefinita e metropoli ipertecnologiche; tra il fumo ammaliante del narghilè e il bruciante gusto del gløgg; fra strade percorse in notti stellate, immersa in un silenzio squarciato dal richiamo del Muezzin o dai i canti intonati in un unisono festoso, danzando attorno all’albero di Natale; nell’immensità, tangibile e metaforica, di rossi deserti e di innevate distese.

Ogni pochi anni mi trasferisco in un nuovo paese, non so quale sarà il prossimo, è una scelta d’amore, per seguire il mio uomo e per inseguire la vita.

Ed eccomi, pronta a raccontare e raccontarmi, dischiudendo la mia valigia, traboccante di ricordi, emozioni, letture, esperienze, scoperte.

Emma Fenu

12 maggio 2014

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione Riservata
Tags

Emma Fenu

Sono Emma, nata e cresciuta respirando il profumo del mare di Alghero, ora vivo, felicemente, a Copenhagen. Ogni quattro o cinque anni, la mia vita subisce una vera rivoluzione: mi trasferisco in un nuovo paese. Ho vissuto, in precedenza, in Medio Oriente, in luoghi di estremo interesse culturale e storico, che mi hanno permesso di sentirmi “cittadina del mondo”. Sono laureata in Lettere e Filosofia, ho conseguito un Dottorato in Storia delle Arti, insegno Lingua Italiana a stranieri, studio da anni Storia delle Donne e Letteratura al femminile e mi occupo di Iconografia, nel perenne ed affascinante tentativo di sciogliere enigmi millenari ed interpretare simboli criptici. In me si fondono, in una bizzarra alchimia, note contrastanti, grazie alle quali sono capace di reinventarmi sempre: sono sognatrice e ironica, idealista e consapevole, empatica e complessa, pragmatica e creativa. Amo immensamente leggere, scrivere recensioni, interviste, articoli, saggi, romanzi e organizzare eventi. Ho pubblicato un romanzo inchiesta, “Vite di Madri”, sul lato oscuro della maternità”, e un romanzo di formazione “Le dee del miele”, una saga familiare ambientata in Sardegna fra miele, farina, sangue e misteri.

Benvenuti nel mio mondo, una valigia, traboccante di idee e parole, sempre pronta per partire alla volta di una nuova avventura.

Utenti online